Ristorante Sa Trachixedda, Cagliari

Sa Trachixedda: una cena d’ispirazione sarda a Cagliari

Ogni città ha quel posticino grazioso e accogliente ma un po’ nascosto, dove la tradizione enogastronomica locale incontra culture e popoli che le hanno dato connotati speciali e unici. In viaggio, mi capita spesso di cercare luoghi in cui scoprire il racconto della terra in cui mi trovo. Cerco ispirazione nel cibo, negli arredamenti del locale, nel fare delle persone che tengono vivo quel locale, così come in chi lo frequenta.

A Cagliari, quel posto si chiama Sa Trachixedda, è in pieno centro, ma solo un occhio attento o esperto sarebbe capace di trovarlo al primo colpo.

L’atmosfera calda e pacata, come foste a cena da amici

Alla porta, una sorridentissima Claudia e Mattia ti portano immediatamente in una dimensione che sa subito di una cena a casa con amici. L’unica differenza è che qui non devi preoccuparti se non hai portato il vino o un dolce, perché li hanno loro (ovviamente) e pure molto buoni.

La sala è arredata con poche componenti in stile sardo, con le meravigliose ceramiche di Walter Usai che spiccano sulla tavola e danno colore, insieme a piccoli dettagli che raccontano l’isola.  

Il menu è breve (ma intenso), con una portata di carne, una di pesce e una vegetariana, sia per gli antipasti, che per i primi, che per i secondi. Le proposte seguono le stagioni, perciò è possibile trovare piatti totalmente differenti nel giro di pochi mesi. 

In fondo alla sala, invece, spicca una lavagna con un breve elenco dei fuori menu del giorno. L’impronta è quella della tradizione sarda ma con tratti rivisitati e moderni.

Cena speciale con la Sardegna in tavola

Veniamo alla cena. Siamo in due e questo posto si presta particolarmente per cene di coppia o fra pochi amici. Noi optiamo per delle animelle di vitello fritte (dal fuori menu) e un uovo morbido cotto a 62° su una spuma di broccolo. Come secondo, un maialino con crema di barbabietola, carote e mela al forno e una pancetta di maiale glassata, con cavolo verza e prugne, sempre con verdure. 

Animelle di agnello. Sa Trachixedda, Cagliari
Animelle di agnello|© Jessica Cani

Avremmo voluto ordinare anche un primo, in particolare i tortelli alla campidanese (che ho visto arrivare nel tavolo a fianco e che avevano tutta l’aria di essere estremamente goduriosi), ma siamo già pronti a un’ulteriore visita per continuare a percorrere il resto del menu. 

Spuma di broccolo. Sa Trachixedda, Cagliari
Vellutata di broccolo e uovo morbido|© Jessica Cani

Gli antipasti sono una letterale esplosione di sapori. Da una parte, l’uovo, delicato e morbido, su una spuma che ha una consistenza che sembra di addentare delle nuvole in una serata di primavera. Dall’altra, le animelle, con un esterno croccante e un cuore tenero, che potrebbero far osare la richiesta di un bis. E poi la carne di maiale: diversa cottura e diversa tipologia per le due portate, ma entrambe tenere e succose, con croccanti verdure che accompagnano perfettamente il piatto. 

I dolci sono la degna conclusione della cena, soprattutto per la presenza della Pardula rivisitata: una crema di ricotta profumata allo zafferano e limone, con crumble croccante e menta.

La cantina è fornita di etichette regionali (ma non solo) frutto di un’evidente ricerca fra territori e produzioni interessanti. 

Sa Trachixedda è quel luogo in cui andare per chi cerca un assaggio di Sardegna raccontata con minuzia da chi la conosce e desidera mostrarla in una chiave differente, senza stravolgerne i sapori.

SA TRACHIXEDDA
Via Giuseppe Abba, Cagliari
Telefono: + 39 392 0194242

Seguimi su Instagram per rimanere aggiornato o cerca l’hashtag #SardegnaQuantoBasta 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *